lunedì 18 luglio 2011

Tanti turisti, pochi affari «Patrimonio sprecato»

Sardegna Quotidiano - 18 luglio 2011 - Tanti turisti, pochi affari «Patrimonio sprecato»
LE LAMENTELE Bolognese: finora l’organizzazione è stata pessima, subito un incontro tra Municipio e negozianti

I turisti ci sono, adesso manca il giusto coordinamento perché diventino una vera risorsa per la città. Settantamila croceristi in tre mesi. I primi sono già sbarcati a luglio, la maggior parte sono attesi per agosto e settembre. Gli arrivi che sono stati regolari per tutti i primi mesi dell’anno si intensificano in estate. Attraccano al porto alcune tra le navi da crociera più grandi del mondo. Trasportano fino a quattromila passeggeri che, per qualche ora, invadono pacificamente l’area a ridosso del porto. Il tempo per le escursioni è centellinato. Impossibile scoprire la città in poche ore. I più coraggiosi, cartina in mano, arrivano fino a viale Buoncammino e si spingono alla scoperta della cittadella dei musei. Gli altri bivaccano alla Marina e in via Roma, alla ricerca di qualcosa da acquistare o almeno da fotografare. Molti non fanno neppure in tempo a mettere piede al porto che sono già su un autobus. Direzione Nora o Villasimius, alla scoperta delle bellezze naturali e archeologiche del sud Sardegna. Quasi tutti comunque, il 92 per cento secondo i dati contenuti nel questionario di gradimento somministrato ai croceristi l’anno scorso dall’Autorità portuale, hanno dedicato qualche ora alla visita della città. Ieri al Porto dominava imponente la nave Indipendence. A bordo in quattromila, partenza da Civitavecchia, direzione Siviglia. La nave è attraccata alle sette del mattino ed è ripartita nel primo pomeriggio. Stesso copione di sempre. Negozi aperti per qualche ora, ma pochi acquisti. A comprare sono ancora soprattutto i cagliaritani

Un gruppo di turisti sbarcati a cagliari con l'independence of the seas
L’APPELLO Oltre settantamila arrivi ma i guadagni non sono alti. Deidda: è necessario un piano. E chiama il Comune a caccia di saldi. I turisti hanno troppo poco tempo per orientarsi da soli e così vagano senza meta. Giovedì è attesa la Bleu France, venerdì la Balmoral. Altre tre navi arriveranno la settimana prossima. Un flusso incessante e in crescita costante. I dati di luglio parlano di tredici imbarcazioni per un totale di 17.758 passeggeri. Numeri che cresceranno ad agosto con sedici navi previste e 22.392 croceristi. Settembre è il mese più gettonato. Quando il caldo darà tregua si metteranno in viaggio infatti anche i vacanzieri meno giovani. Venticinque navi attese in tutto per l’ultimo mese estivo, con 27.952 passeggeri. Le cifre sono destinate a crescere ulteriormente l’anno prossimo quando saranno completati i lavori al Molo Ichnusa e il terminal crociere avrà finalmente davanti un fondale abbastanza profondo da far avvicinare le navi più imponenti.

CAMERA DI COMMERCIO «I dati sono molto incoraggianti, adesso c’è bisogno di maggiore coordinamento con il Comune e l’Autorità portuale», spiega il presidente della Camera di commercio Giancarlo Deidda. «Dobbiamo essere in grado di avere più informazioni possibili sugli arrivi, in modo che gli operatori possano preparare un’offerta su misura. Sarà importante sapere, quanti sono, da dove arrivano, quanti anni hanno, se sono uomini o donne». Quando il turista si ferma in città per qualche giorno ci sono più possibilità di incontrare le sue esigenze. I croceristi restano solo poche ore, i commercianti e i ristoratori devono sapere subito cosa aspettarsi. Il calendario degli arrivi è già disponibile, ora si tratta di arricchire quelle informazioni. «Ovviamente è diverso sapere prima se arrivano 500 persone o quattromila», specifica Deidda che assicura che d’ora in poi Camera di commercio, Autorità portuale e Comune lavoreranno fianco a fianco per sopperire a questa mancanza di informazioni. L’idea di Deidda è di organizzare eventi ad hoc proprio per trattenere i turisti in città e indirizzarli al meglio.

CONFESERCENTI « L’organizzazione fino ad ora è stata pessima», secondo il presidente provinciale di Confesercenti Robero Bolognese. «Non eravamo preparati ad affrontare un fenomeno del tutto nuovo come i turismo crocieristico, siamo in attesa di mettere ordine alla situazione. L’intervento della Camera di commercio sarà fondamentale. Noi siamo pronti a sederci subito attorno a un tavolo insieme al Comune ». Secondo le associazioni di categoria sarà fondamentale mutuare l’esperienza di città come Bari, Genova e Civitavecchia che da anni ospitano con successo le navi da crociera. Intanto gli unici dati a disposizione sono ancora quelli dell’indagine sulla soddifazione dei croceristi condotta l’anno scorso dall’autorità portuale su un campione di quasi 5500. Dicono che il 92 per cento degli intervistati si è fermato in città tra le due e le sei ore. Solo il quattro per cento, per più di sette ore. Oltre l’ottanta per cento ha fatto shopping. Il 22 per cento degli intervistati ha speso meno di dieci euro, il 55 per cento meno di trenta euro. Tra gli acquisti più gettonati cibo e bevande per il 50 per cento degli intervistati, souvenir per il 20 per cento. Il 14 per cento ha acquistato vestiti.
Numeri 70000 Gli arrivi previsti per questa stagione a bordo di navi da crociera. 22392 I croceristi previsti per il mese di agosto. 92% È la percentuale di croceristi che stanno in città tra le due e le sei ore. 22% La percentuale che ha speso meno di dieci euro. Il 55% ha speso anche meno di trenta euro.

Nessun commento: